Point(s) of view – La casa de* mi* compagn* è la mia casa

Non sono mai stata a Point Break, non ne conosco i muri, i pavimenti. Non conosco neppure le facce di chi ci abitava. Sono stata a Roma pochissime volte e ancora meno mi è capitato di dormirci. Spostarmi è sempre stato economicamente insostenibile, anche quando la militanza era tutto per me. Quando, diversi anni fa, i primi compagni iniziavano a lasciare Pisa, mi chiedevo se un giorno avrei pensato anche io di andarmpointtene. Uno di questi mi disse che sarebbe andato a Roma perché si era liberato un posto a Point e quindi poteva permettersi di trasferirsi e studiare fuori. E che è Point? Se magna? Così quando ho iniziato davvero a pensarci anche io, seguendo i miei desideri e le mie ambizioni, ho iniziato a guardarmi intorno. Bologna, Torino. E mentre i miei sogni avanzavano e correvano su tutte le strade possibili, realizzavo che, di nuovo, era tutto economicamente insostenibile. Gli affitti, le bollette, il costo della vita, i biglietti dell’autobus, il trasloco, l’ansia di un investimento che non pensavo di meritare. E poi ancora la mia rete di relazioni, la mia assemblea che, se anche non frequento da un po’, resta il mio riferimento politico e fisico. Tutto troppo complicato per prendere una decisione. Ma ancora oggi, che sono in pace con le mie scelte e che amo stare qui, ho bisogno di ripetere almeno nella mia testa la risposta a quella domanda. Ora io so cos’è Point Break. Lo so dai racconti dei miei compagni e delle mie compagne, che ci hanno dormito tantissime volte; lo so perché se navigo nei miei desideri trovo Point. Point Break è la sicurezza di una casa, per tutti e tutte, è l’esistere in sé che diventa merito, è la terra ferma dopo un naufragio, è comune, è amore, è gioia. È ciò che mi fa sognare un giorno di spostarmi ma soprattutto è ciò che mi fa sognare di poter tornare ogni volta che voglio. E se è vero che non mi sono mai accollata a Point per dormire, appoggiarmi o mangiare, è ancora più vero che mi sono accollata a Point per sognare. E vi pare poco?

Eppi

Scarica questo articolo come e-book

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *