SEX WORK – Due giorni di dibattito sul lavoro sessuale

La marea #NonUnaDiMeno che il 26 novembre ha invaso le strade di Roma ha aperto in Italia una nuova stagione di lotte femministe, trans-femministe e queer. È all’interno di questo percorso che vogliamo inserire un momento di riflessione e discussione sul lavoro sessuale, a partire dalle di coltà che il tema, per la sua complessità, ha posto tanto ai movimenti femministi quanto a quelli più strettamente operaisti, che spesso hanno escluso le sex workers sia dalle lotte delle donne che da quelle sul lavoro.Da un lato, la tradizione classica marxista e operaista che, assumendo la centralità della fabbrica come luogo di produzione di plusvalore, ha spesso relegato a una condizione di invisibilità tutte le forme di lavoro riproduttivo. Dall’altro, la tradizione femminista che, al contrario, pur mettendo in luce il ruolo della riproduzione sociale nei processi di accumulazione, si è spesso opposta al lavoro sessuale e alle rivendicazioni delle sex workers attestandosi su posizioni abolizioniste. Continue reading “SEX WORK – Due giorni di dibattito sul lavoro sessuale”

What a fucking curse – Alcune simbologie dietro “Lemonade” che lo rendono un video imperdibile

Delle donne ondeggiano a ritmo, le une vicine alle altre, in una collettiva danza funebre, dentro un veicolo che sembra trasportarle, tutte, nell’aldilà.

So what are you gonna say

at my funeral,

now that you’ve killed me?

Here lies the body of the love of my life,

whose heart I broke

without a gun to my head.

Here lies the mother of my children,

both living and dead.

Rest in peace, my true love,

who I took for granted.

Most bomb pussy who,

because of me,

sleep evaded.

Her god listening.

Her heaven will be a love

without betrayal.

Ashes to ashes,

dust to side chicks. Continue reading “What a fucking curse – Alcune simbologie dietro “Lemonade” che lo rendono un video imperdibile”

Chiamata allo Sciopero internazionale delle donne – 8 marzo 2017 di Ni Una Menos

paro_internacional
L’otto marzo la terra trema. Le donne del mondo si uniscono e lanciano una prova di forza e un grido comune: sciopero internazionale delle donne. Ci fermiamo. Scioperiamo, ci organizziamo e ci incontriamo tra di noi. Mettiamo in pratica il mondo in cui vogliamo vivere.
#NoiScioperiamo
Scioperiamo per denunciare:
Che il capitale sfrutta le nostre economie informali, precarie e intermittenti.
Che gli stati nazionali e il mercato ci sfruttano quando ci indebitano.
Che gli Stati criminalizzano i nostri movimenti migratori.
Che guadagniamo meno degli uomini e che il divario salariale tocca, in media, il 27%.
Che non si riconosce il fatto che il lavoro domestico e di cura è lavoro non retribuito, che si somma mediamente per 3 ore in più alle nostre giornate lavorative.
Che questa violenza economica aumenta la nostra vulnerabilità di fronte alla violenza maschile, di cui l’atto estremo più aberrante sono i femminicidi.
Scioperiamo per reclamare il diritto all’aborto libero e perché nessuna sia obbligata alla maternità.
Scioperiamo per rendere visibile che se i lavori di cura non diventano responsabilità di tutta la società noi ci vediamo obbligate a riprodurre lo sfruttamento classista e coloniale tra donne. Per andare a lavorare dipendiamo da altre donne. Per spostarci dipendiamo da altre donne.
Scioperiamo per valorizzare il lavoro invisibilizzato che facciamo, che costruisce reti, sostegno e strategie vitali in contesti difficili e di crisi.

Report dell’assemblea nazionale “NON UNA DI MENO”

Non una di meno!
Verso la mobilitazione nazionale delle donne contro la violenza di genere a Roma il 26-27 novembre.

Report dell’assemblea nazionale – Roma 8 ottobre 2016

Prima di qualsiasi considerazione viene il ricordo di chi non è potuta essere con noi, eppure era presente come lo sarà in tutte le nostre lotte.
Ciao Silvia, che la terra ti sia lieve.

Oltre cinquecento donne, provenienti da tutta Italia, si sono ritrovate l’8 ottobre presso la facoltà di Psicologia dell’Università Sapienza di Roma, nell’assemblea del percorso nazionale contro la violenza maschile sulle donne “Non Una di Meno”.

Un’assemblea ricca di decine di interventi ha reso la complessità di analisi e di proposta sul fenomeno della violenza di genere, e ha portato all’articolazione di diverse proposte sul tema. Si è definita una lettura sfaccettata della violenza: non come fatto privato, che avviene unicamente tra le mura domestiche, ma come fenomeno continuamente generato e riaffermato anche dalle politiche istituzionali – educative, sociali ed economiche – e dalle narrazioni tossiche prodotte dai media. La violenza sulle donne, quindi, non può più essere trattata in termini emergenziali e securitari, laddove si tratta di un problema complesso, stratificato e, quindi, strutturale.

Continue reading “Report dell’assemblea nazionale “NON UNA DI MENO””